Memories of Cuba

Memories of Cuba

Cuban memories.

Stasera andrò a vedere Silvio Orlando al Teatro Parenti.
Ha fatto capolino un ricordo...questo fu il mio mezzo di trasporto all'Avana, durante due anni di Periodo Especial. 

Per andare al lavoro, in città, al mare, ovunque. 
Un camioncino Ford del 1938 per il trasporto, all'epoca, del latte. Senza più porte nè finestrini, con due panche di legno interne. Tre marce. La retromarcia, a spinta di generosi passanti. Ottimo per filmare in camera car, balestre più morbide di una stadycam, potevano starci più persone a seconda della loro stazza, una crew completa con le attrezzature. 

Ma servì anche in estemporanee occasioni, come caricare un lettino con inserita anziana signora per correre all'ospedale, sconosciuti che salivano e scendevano a loro piacere, qualche rivenditore clandestino di frutta che mi prendeva per suo collega. E il nostro ambasciatore italiano, che lo apprezzava molto ma che doveva essere seguito da un fiammante suv con autista. Un giorno, fermati da un sospettoso poliziotto, fu impossibile spiegargli come mai un ambasciatore preferisse viaggiare così, guidato da un altro italiano alquanto strano magro e abbronzato come un cubano ma accreditato come giornalista, finchè si arrese e ci lasciò grattandosi la testa.

Un giorno arrivò la delegazione italiana al Festival del Cinema Latinoamericano. Quando, uscendo dal loro albergo e non trovando taxi, anche loro vollero salire tutti sul Bumbumchakata, soprannome che gli veniva dato dai bambini del quartiere dove abitavo, ispirati da un cartone animato. Quando lo parcheggiavo vi salivano sopra e cercavano (invano) di smontarlo, il loro maggior divertimento era aiutarmi a riempire d'acqua il radiatore, quando bolliva usciva un fumo bianco. Una volta alcune bambine uscite da scuola improvvisarono un balletto sul tetto con i bastoni e cilindri del saggio scolastico.

Tornando ai nostri connazionali, salirono Ettore Scola e sua moglie, Piero Vivarelli idem, Davide Bassan scenografo con consorte, Silvio Orlando, altri e una giovane attrice cubana, Yvelin Girò. Andai a tavoletta, alla folle velocità di 18-20 km all'ora, verso la Terrazza di Cojimar, il ristorante dei pescatori descritto molte volte da Hemingway ne Il vecchio e il Mare.

Fu una serata molto allegra, romantica e nostalgica, ora quel ristorante non c'è più, è stato distrutto da un ciclone. Era l'unico posto dove poter cenare con una vera e genuina zuppa di pesce, in riva al mare.

Un'altra volta andai a prendere all'aeroporto un noto scrittore italiano. Peccato che si scatenò a metà strada un violento temporale. Cercai di farlo sorridere, di spiegargli che lì si diceva "si terrà lo spettacolo anche sotto le intemperie", che la pioggia era tiepida, che il tropico...ma il vento non era tiepido, lo lasciai in albergo, non mai saputo come sia sopravvissuto. 

Siko

SIKO

Luglio 1972.  Dopo l’apprendistato come assistente presso vari fotografi, mi presentai con il mio primo book all’agenzia Diagonale, che aveva il suo studio fotografico all’angolo di casa mia e dal quale vedevo passare un gran via vai di persone.

Al primo appuntamento, il lungimirante boss Luigi Testori mi fece al volo un contratto di collaborazione: aveva appena acquisito un cliente di moda per bambini, l’Omino di Ferro.

Bisognava realizzare redazionali e cataloghi, in esterni e in studio, costruendo nuvole ed altre scenografie di polistirolo da incollare sui fondali colorati. Si eseguiva il lavoro manuale sotto 

l’ attenta direzione creativa di Testori, un’ ottima gavetta.

Finchè un importante sponsor, la Montefibre (Eni) che aveva brevettato un nuovo filato per il marchio Omino di Ferro, incaricò l’agenzia Diagonale di pensare ad una campagna stampa che fosse di forte impatto visivo e per una grande diffusione.

Si mormorava che era stato contattato uno dei più noti fotografi del momento, ma non trapelava nulla del progetto.

All’improvviso Testori mi convoca urgentemente in agenzia: mi chiede se ho il passaporto, per motivi vari il noto fotografo non può realizzare il lavoro ed ormai tutto è già organizzato.

Destinazione: partire tre giorni dopo per la Groenlandia. Essendo ancora minorenne, dovetti avere il consenso dei genitori. 

Avevo anche già un eskimo, come usava allora : per cui nessun problema.

Partimmo per Copenaghen, poi per la capitale Groenlandese, poi per un piccolo eliporto dove pernottammo in attesa che smettesse di nevicare, e finalmente giungemmo  a Jakobshan.

Un piccolo villaggio di casette di legno colorate dedito alla pesca dei gamberetti, un albergo-container con vista sui un’infinità di iceberg. Venne anche una madre italiana con i suoi due figli biondi con gli occhi azzurri, come allora la pubblicità esigeva.

Appena arrivati, i bambini si ammalarono, e perdipiù nevicava ininterrottamente. 

Poi scoprimmo che di sera e di notte non nevicava per il calo della temperatura, e c’era ancora luce, un bellissimo infinito controluce. Bisognava ingegnarsi. E facemmo un casting con i bambini del villaggio, tutti rubicondi e pettinati a caschetto, ed un paio di ragazzini danesi.

SIKO - Ciao Mondo
SIKO - Euro April

A volte ripenso a quell’esperienza…imparai a bere la birra con i gamberetti crudi,  varie parole della lingua inuit,  a comunicare con gesti e sguardi. E soprattutto a cercare di trovare in qualunque situazione una soluzione per quanto strana possa sembrare.

In quel caso fu anche la fortuna della campagna, il casting sul campo anticipò i tempi, e Testori trovò il claim perfetto: “ Ciao mondo “ 

All’epoca si buttavano tutti i rullini direttamente in sviluppo…senza test…che vennero dopo.

Mi sono anche spesso chiesto come fu possibile l’avermi dato tale enorme fiducia ,  non glielo chiesi mai direttamente…non mancavano altri fotografi già noti ed esperti… so che gli devo moltissimo, quel lavoro mi aprì molte porte nelle redazioni e nelle agenzie di pubblicità.

E mi diede anche un fedele amico, il piccolo cucciolo che cerca il latte della madre nella foto più nota: al momento della partenza, la proprietaria me lo porse con un sorriso indimenticabile. Lo misi in una tasca dell’eskimo e Siko, primo Husky viaggiatore e modello, rimase con me per 17 anni. 

SIKO - Il Grande Freddo

Korda Story

Korda - Alberto Gutierrez

Il 5 marzo 1960  il fotografo cubano Alberto Diaz Gutierrez, detto Korda ( nome d’arte da lui stesso inventato), scattava all’Avana, in calle 23y12, il ritratto del Che, che sarebbe diventato l'immagine più riprodotta nella storia della Fotografia. 

Qui ritratto per Harper's Bazaar nel suo piccolo studio all'Avana.lo stesso giorno passò anche Gabriel Garcia Marquez e feci degli scatti anche a lui e ad altri amici. 

Korda - Alberto Gutierrez and more
Korda - 'Vieja Sara'

Con Alberto e la “vieja Sara”, come chiamava sua madre e con cui viveva nella sua casa-studio

Alberto non è stato solo l'autore della fotografia del Che, prima di quello scatto era il fotografo di moda più noto a Cuba, viaggiava fra New York e Parigi con sua moglie Norka, modella che sfilava per Dior. Aveva fama, successo, un grande studio nel centro della'Avana, una casa sontuosa nel quartiere più esclusivo della città. 

Ma quando Fidel Castro vinse la Rivoluzione, non scappò per continuare quella brillante vita altrove. Era un uomo curioso, innamorato della sua cubanità. Accettò la nazionalizzazione del suo studio, e poi della sua casa, così come la scomparsa dei clienti e dei magazine patinati. Si appassionò all'utopia e le si dedicò come sapeva fare, raccontandone la storia con la sua Leica. Alberto negli ultimi anni aveva ricominciato a fotografare le donne, la sua grande passione, e bellezza e la moda cubana. E a fare da talent scout. Fu lui a presentarmi, Iveli Girò la sua ultima giovane musa. La fotografai a Cuba per Anna e qui sotto a Milano per King.

Korda - Model

Nel 2003 Alberto Korda decise che era venuto per lui il momento di riposarsi a Parigi. 

Il fotografo suo fedele amico ed ex assistente Alberto Figueroa così diede la notizia agli amici: 

"Oggi se n'è andato Alberto Korda, i mariti e fidanzati delle giovani e belle ragazze di Cuba possono ora dormire sonni tranquilli, e molte di quelle ragazze rimpiangeranno di non averlo conosciuto".

Da parte mia, ricorderò sempre un maestro di vita, un amico generoso, allegro e con un grande senso dell’umorismo, disinteressato alla fama e gli onori, capace di adattarsi ad ogni situazione, innamorato della fotografia, della vita e…come sopra.

Korda - B&W Film

GianPaolo Barberis, in arte Paolo Gianbarberis, e Virginia Minnetti in arte Viola Valentino.

Image

Un giorno al liceo, un compagno di classe mi dice che ha un fratello fotografo, che cerca un assistente. Vado a trovarlo, comincio così a guadagnarmi qualcosa per le vacanze, e a conoscere un mondo sconosciuto. Aveva un classico studio in un seminterrato, ben attrezzato fra luci fondali e camera oscura, e una buona notorietà.

Feci la gavetta: mettermi un grembiule, ripitturare il limbo bianco, pulire per terra, spostare le luci, i cavi, i generatori dei flash. Andare al bar a prendere i caffè per i clienti, correre a comprare pellicole ed accessori, qualunque cosa fosse necessaria. E cominciai anche a passare lunghe ore in uno spazio misterioso: la camera oscura. Un luogo affascinante, ma anche inquietante e pieno di rischi.

Di rovesciare qualcosa, di accendere la luce con le scatole di carta aperte, o mentre sviluppavo le pellicole. Perdere il senso dello spazio e del tempo. Assorbendo gli odori nauseabondi dei liquidi per sviluppare, l’acido acetico che rimaneva nelle narici per ore anche dopo uscito dallo studio. Mi appassionai, imparai ad usare l’ingranditore, le Hasselblad, le Nikon, i Balcar. Gianpaolo faceva il burbero , ma era una persona generosa, mi dava sempre maggiori responsabilità, poi qualche primo lavoretto , poi le chiavi dello studio per fare i test nei week end, nacque un bel rapporto umano e creativo.

Amava moltissimo le foto di Sarah Moon, mi contaminò, andai a Parigi a conoscerla e scoprii che eravamo lontani parenti. Gianpaolo lavorava per clienti della moda, e ritraeva anche molte cantanti famose dell’epoca: Mina, Patty Pravo, Loredana Bertè, con Gigliola Cinquetti passammo un indimenticabile viaggio fra le sue montagne trentine. E veniva spesso a trovarci Viola Valentino, la sua canzone Comprami era in hit parade, era sposata con

Riccardo Fogli dei Pooh. Così li fotografai in un momento di, rara, ilarità. In realtà ci accomunava una certa propensione per lo spleen…ascoltava e riascoltavamo infinite volte James Taylor e Carol King, nei momenti di pausa buttai sul divano nel chiaroscuro del seminterrato. GianPaolo, all’apice del suo successo, anche come regista di spot, decise di abbandonare la professione e di ritirarsi in una vita spirituale e a dipingere bellissimi quadri, come continua tuttora a fare.

Image
© 2018 by Giorgio Mondolfo - All rights reserved.
Designed by BrandBAR SF - Milano.